Fra’ Galdino – Salute

LA SALUTE E’ UN DIRITTO UNIVERSALE

 La salute, in quando diritto fondamentale dell’uomo, è tutelata nella nostra costituzione dall’articolo 32 che prevede:” La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

Eppure nei Centri di Ascolto Caritas si rileva una crescente richiesta di aiuto da persone che riferiscono di dover rinunciare o interrompere le cure perché non riescono a coprirne le spese.

Infatti il Servizio Sanitario Nazionale (mutua) fornisce molti farmaci essenziali ed è anche preziosa l’opera del Banco Farmaceutico che raccoglie e dona i farmaci da banco a molti enti caritativi. Tutto ciò però non è sufficiente perché restano a carico dell’assistito molte categorie di farmaci prescritti dai medici come i farmaci di fascia C (antiinfiammatori, colliri, pomate e spray medicati) e gli ansiolitici spesso di uso cronico.

Il nuovo progetto, denominato “Fra’ Galdino – Salute”, nasce proprio per fornire questi farmaci a chi si trova in condizione di marginalità socio-economica, persone vulnerabili sia fisicamente che psicologicamente.

Al momento siamo nella fase sperimentale del progetto: è partito in 5 punti di ascolto (Sportello PAAP per persone senza fissa dimora, Centro d’ascolto Diocesano, Centro d’ascolto della Villaggio Lamarmora, Centro d’ascolto della Valle Elvo, Centro d’ascolto della Valle Cervo): qui gli operatori rilasciano un modulo allegato alla ricetta medica che attesta che la persona è seguita dall’ente caritativo richiedendo alla farmacia l’erogazione del farmaco. Collaborano al progetto le farmacie più vicine alle rispettive sedi dei punti di ascolto, in accordo con l’Ordine dei farmacisti, mentre il pagamento viene fatto da Caritas diocesana attingendo al fondo “Fra Galdino – Salute”.

Questa iniziativa, finanziata in parte dall’8×1000 di Caritas Italiana, è possibile  grazie alle offerte dei cittadini che possono diventare parte attiva del progetto con un contributo che sarà utilizzato per l’acquisto dei farmaci.

Non lasciamo che anziani soli, famiglie indigenti, persone senza casa rinuncino alle cure prescritte dai loro medici, dall’ospedale o dal dipartimento di salute mentale: è un bene per loro e per la collettività.

Fai anche tu parte attiva del progetto!!

COME?

Fai una donazione alla Diocesi di Biella con la causale “FRA GALDINO -SALUTE”

IBAN  Diocesi di Biella: IT 50 A 06090 22300 000024263629

 

Tabella dei farmaci richiesti nei Centri di Ascolto Caritas biellesi:

grafico